Le poesie dell'anima veneta di Gian Berra



Le poesie dell'anima veneta di Gian Berra...


20
Gigeta de na olta.
Gigeta, come elo che son passà
tacà al to cortivo?
No so, almanco no me par.
Me son catà rente al to canciel de piera
e i sgrisoi i me gha robà al cor.
Che mal Gigeta, che mal.
Son tornà ai ani bei che no serviva ragionar.
Me bastea pensar a ti, che al mondo gavea un senso.
Mi vegnia a catarte, anca de inverno
su in moto. Che fret Gigeta.
Su là, mi sol, corar su na strada voda e scura.
E to mare che la me olea ben, la me verdea la porta.
E noialtri do sul divan a strucarse...
La toa pel xera un veludo da sognar.
Sentirte la tacà mi, un calor
de promesse, caresse che olea
sempre de pì.
Ma ti sempre tenta a no assar massa
far.
Un baso in boca, e ti calda come al fogo.
Dopo, che bel la domenega,
caminar insieme. Vardarte, come aver tacà mi
la pì bela del mondo.
E dopo, la sul bosc, ti assarme dar
na ciuciada ale tete.
Mi te vardea sui to oci, tento a no
farme vedar, da ti.
Oci che me robea l'anema.
Oci che i parea sempre ridar,
ma co un poca de superbia,
solamente un pocheta....
Gigeta, no te bastea no un toso
che sognava massa?
Ti tu olea de pì?
Che a le bele tose no ghe bastea
i sogni?
Xe sta un setembre che tu me a dita... basta?
Me son catà co na vita 'ncora tuta da vivar.
Ma senza de ti. Na vita tuta da inventar
col cor svodà.
Finia lora, a quei tempi i bei ani, finia i sogni.
Tachea a vegnirme rente
na realtà cossì si bruta, da scamparghe
via.
Lora, fursi xera de sognarghen n'altra
tuta par mi?
Che destin Gigeta, quel de vivar de sogni,
xe na strada rebaltada.
Ma mi no so far altro.
Gigeta, ti tu resta un sogno, un ricordo
sconto dai ani.
Dess che al xe tornà, al par sì bel
che son content de averlo
sempre co mì.
Gian Berra


20
Gigeta di una volta.

Gigeta, com'è che sono passato
accanto al tuo cortile?
Non so. almeno penso.
Mi sono trovato accanto al tuo cancello di pietra
e i brividi mi hanno rubato il cuore.
Che male Gigeta, che male.
Son tornato ai bei anni in cui non serviva ragionare.
Mi bastava pensare a te, che il mondo aveva un senso.
Venivo a trovarti, anche d'inverno
su in moto. Che freddo Gigeta.
Lassù, da solo correre su una strada vuota e scura.
E tua madre, che mi voleva bene, mi apriva la porta.
E noi sue sul divano a tenerci stretti...
La tua pelle era un velluto da sognare.
Sentirti accanto a me, un calore
di promesse, carezze che volevano sempre di più.
Ma tu sempre attenta a non lasciar
troppo fare.
Un bacio in bocca, e tu calda come il fuoco.
Dopo, che bello la domenica,
camminare assieme. Guardarti,
come ad avere accanto la più bella del mondo.
E poi la sul bosco, tu mi lasciavi
dare un succhiotto alle tette.
Io guardavo i tuoi occhi, attento a
non farmi notare da te.
Occhi che mi rubavano l'anima.
Occhi che parevano sempre sorridere,
ma con un poca di superbia,
solamente un poca...
Gigeta, non ti bastava un ragazzo
che sognava troppo?
Volevi di più?
Che alle belle ragazze
non bastano i sogni?
Era di settembre che mi hai detto.. basta?
Mi sono trovato con una vita tutta da vivere.
Ma senza di te. Una vita tutta da inventare,
col cuore vuoto.
Finivano allora, a quei tempi gli anni belli,
finivano i sogni.
Iniziava a venirmi incontro una realtà
così brutta, da scapparvi via.
Allora era forse da sognarne un'altra
tutta per me?
Che destino Gigeta, quello di vivere di sogni,
è una strada complicata.
Ma non so fare altro.
Gigeta tu resti un sogno, un ricordo
nascosto dagli anni.
Adesso che è tornato, pare così bello
che son contento di averlo
sempre con me.

Gian Berra





19
Gemo al sogna Venessia.

Anca qua a Miran, Gemo al camina
dopo magnà.Par far scampar i pensieri.
Al varda zo sul canal
quel che se specia, de le ville
dei siori che vegniva
da Venessia.
Tira un pocheto de vent,
che al suga via al sudor
che al vien su, anca
solamente a vivar.
Al pensa sempre a quande,
pena sposà, gha tocà
lassar la casa sul canal, zo in laguna.
No ghe ziera pì posto par lu.
Dopo quande che so mare xe morta,
gnanca pì tornà.
Al se pensa, da zoven al girar in nave,
tanti ani a vardar al mondo,
a scargar e cargar, mai co la calma
de tirar al fià.
Al sal al gha tirà la pel sui so oci.
La fadigha la pesa sui oss,
anca se la testa la varda dreta vanti.
Gemo, pensa all'udor, ala voia
de zugar vardando oltra, la zo in fondo,
ndove anca al ciel se confondea
col mar. No ghe ziera confin, gnanca
de pensar che gnente sarià mai cambià.
Che bel sognar, gustar de star sentadi
su na storia che la vardava se stessa.
Ma al temp xe assasino, a ne porta
fora. Al ne copa la speranza.
Lora sule recie, ghe torna la campana
che la ciamea le vecie e i bocie
matina prest, tuti a vardar lontan
al campanil. Bastea ela par tacar a vivar
naltro dì, a tirar entro la aria fresca
che vegnia dal mar.
No ghe ziera da pensar al futuro,
par quei che viveva su un quadro
co la cornize, tuta de oro.
Co sta richezza sul cor, Gemo
al sa che no la perdarà mai.
Al sa lu, che se anca i sogni,
prima o dopo i finisse,
Venessia xe un sogno,
che no finirà mai.
Gian Berra 2105

TRADUZIONE

Gemo sogna Venezia.
Anche qua a Mirano, Gemo cammina
dopo mangiato. Per far scappare i pensieri.
Guarda giù sul canale
ciò che si specchia delle ville
dei signori che venivano
da Venezia.
Tira un po' di vento,
Che asciuga via il sudore
che viene su, anche solamente
a vivere.
Pensa sempre a quando,
appena sposato, gli è toccato
lasciare la casa sul canale, giù in laguna.
Non c'era più posto per lui.
Poi, quando sua madre è morta,
neanche più è tornato.
Ricorda, da giovane a viaggiare in nave,
tanti anni a girar il mondo,
a scaricare e caricare, mai con la calma
di tirare il fiato.
Il sale gli tira la pelle degli occhi.
La fatica gli pesa sulle ossa,
anche se la testa guarda dritta davanti.
Gemo pensa all'odore, alla voglia
di giocare guardando lontano
la in fondo,
dove il cielo si confondeva col mare.
Non c'era confine, nemmeno al pensare
che nulla sarebbe mai cambiato.
Che bel sognare, gustare di stare seduti
su una storia che guardava sé stessa.
Ma il tempo è assassino, ci porta fuori.
Ci uccide la speranza.
Allora alle orecchie, gli torna la campana
che chiamava le vecchie e i bambini
la mattina presto, tutti a guardare lontano
il campanile. Bastava lei
per cominciare a vivere
un altro giorno, e tirare dentro
l'aria fresca che veniva dal mare.
Non c'era da pensare al futuro
per quelli che vivevano dentro un quadro
con la cornice tutta d'oro.
Con questa ricchezza sul cuore, Gemo
sa che non la perderà mai.
Sa lui, che se anche i sogni
prima o dopo finiscono,
Venezia è un sogno,
che non finirà mai.
Gian Berra 2015


Commenti

Post popolari in questo blog

Gian Berra e Bruno Donadel a cena a Solighetto il 13 settembre 2013 per parlare dell'anima del popolo veneto...

La filosofia di Hannibal Lecter.... e.... l'intento di Thomas Harris. Di Gian Berra 2014

Un luogo magico al Barchet di Segusino, mistero e violenza. Gian Berra